In Spin Bike Diadora Fitness – Recensioni
Diadora Racer 22 – Recensione

I NOSTRI VOTI

  • Design - 8.5/10
    8.5/10
  • Materiali - 8.5/10
    8.5/10
  • Comodità - 8.4/10
    8.4/10
  • Pedalata - 8.6/10
    8.6/10
  • Qualità Prezzo - 8.2/10
    8.2/10

Voto Totale

8.4/10

COSA CI PIACE
  • Buona massa volanica
  • Prezzo competitivo
  • Sensori hand pulse integrati
  • Dotata di computer di bordo
  • Discreta realizzazione tecnica
COSA NON CI PIACE
  • Scomoda per persone di bassa statura
  • Computer poco sofisticato
  • Collegamento ai sensori un po’ precario
SCHEDA TECNICA
  • Resistenza: Meccanica
  • Volano: 22 Kg
  • Peso Max Utente: 120 Kg
  • Peso Prodotto: 48 Kg
  • Funzioni: Tempo, Distanza, Velocita, Calorie, Frequenza cardiaca, Scan,
  • Scheda Tecnica Completa

Recensione Diadora Fitness Racer 22


La gamma di spin bike cui appartiene la Diadora Racer 22 (o “fit bike”, come le ha battezzate questo marchio italiano) include diversi modelli, tutti accomunati da un prezzo relativamente contenuto rispetto a quelli di prodotti simili di altri costruttori.

La qualità dei materiali e l’attenzione per i dettagli non sono probabilmente paragonabili a quella di indoor bike professionali, ma più che adatte ad un tipico uso domestico sia da parte dei principianti che degli appassionati di spinning.

Le dotazioni della Diadora Racer 22  sono quelle classiche di questi tipo di attrezzo, ed hanno luci ed ombre. Tra le luci rientra sicuramente il volano da 22 kg, che garantisce una buona fluidità della pedalata ed è sufficientemente pesante da prestarsi bene ad allenamenti intensivi.

Ottimo anche il fatto che sia sellino che manubrio siano regolabili sui due assi (anche se con i limiti di cui discuteremo tra poco), come pure la presenza di un computer di bordo con sensori hand pulse per il monitoraggio del battito cardiaco, che però non garantiscono prestazioni pari a quelle di un buon cardiofrequenzimetro comprato a parte.

Per il resto, la Diadora Racer 22 opta per il classico approccio con trasmissione a catena con pignone fisso, freno a tampone con feltri e resistenza a controllo manuale tramite manopola micrometricra, per simulare il più possibile il comportamento delle bici da strada.

 

Design, Materiali e Struttura

Grigio, nero e giallo: questa la combinazione di colori (piuttosto ricorrente nella gamma Diadora) usata per dare mordente al design della Diadora Racer 22, che nelle forme e nella struttura ricorda molto da vicino un altro modello da noi recensito in passato, la Racer 23.

Peso (48 kg) e dimensioni (120 x 53 x 120 cm) sono praticamente gli stessi, come la capacità di carico massima (o peso massimo utilizzatore), di 120 kg. Anche la possibilità di regolare seduta e manubrio sui due assi, orizzontale e verticale, è confermata, quindi dovremmo poter contare su una buona stabilità della Diadora Racer 22 durante gli allenamenti, e su un discreto livello di adattabilità del telaio per assumere la posizione più comoda.

Questo è vero soprattutto per persone di altezza media, mentre chi non rientra in questa fascia (più per difetto che per eccesso) potrebbe avere qualche problema, ma sull’argomento torneremo tra poco, parlando del comfort.

Ovviamente la Diadora Racer 22 include tutte le dotazioni tipiche delle spin bike di oggi, quindi sella e pedali da racing e porta-borraccia integrato nel telaio. Il manubrio presenta il classico rivestimento antiscivolo per non perdere la presa negli allenamenti molto lunghi o intensi, ed è a presa multipla. Diversamente dal solito, i sensori hand pulse incorporati, che permettono la misurazione del battito del cuore, non sono montati nelle impugnature principali, quelle a corno, ma nelle due più piccole poste perpendicolarmente, che incastonano il maniglione centrale e il piccolo computer di bordo. Questa collocazione potrebbe non essere comodissima per tutti, ma c’è anche da riconoscere che molti sportivi tendono comunque ad usare, con le spin bike, un cardiofrequenzimetro dedicato, quindi il problema è relativo.

Ma dicevamo del computer della Diadora Racer 22. Ancora una volta, Diadora opta per un comparto elettronico all’insegna della semplicità e del risparmio, con una consolle dotata di un elementare display a cristalli liquidi a campo singolo e funzione SCAN per alternare i dati, che purtroppo non includono la cadenza.

Il computer è assicurato al telaio in modo un po’ precario, ma soprattutto è collegato ai sensori con una cavetteria fin troppo presente all’esterno del telaio, quindi sarà necessaria una dose extra di attenzione per evitare di scollegare accidentalmente qualcosa.

Per il trasporto e la stabilizzazione a terra ci sono invece, come di consueto, delle rotelle nella parte frontale della base e dei piedini livellatori, da regolare per compensare eventuali dislivelli.

 

Comfort e Pedalata

La Diadora Racer 22, come indica il nome, è una spin bike progettata per allenamenti di media ed elevata intensità, ma sempre con un occhio di riguardo per comfort e sicurezza. Il comfort è garantito dagli accessori da racing e dalla doppia regolazione di sella e manubrio, senz’altro più flessibili del classico manubrio a regolazione solo verticale.

Il problema è piuttosto nella seduta, perché con le sue regolazioni di default ha il limite di non essere molto adatta per persone sopra gli 1,85 metri e – soprattutto – di essere troppo alta per persone di bassa statura. Alcuni utenti hanno risolto praticando un foro extra nell’asse verticale della sella, per aggiungere una “tacca” in più, ma naturalmente si tratta di una soluzione artigianale che non ci sentiamo di consigliare a chiunque.

Comunque la Diadora Racer 22 resta più che adatta per la stragrande maggioranza degli utenti.

Sempre in tema di consigli, quello che vi suggeriamo è sicuramente di curare la manutenzione della spin bike, visto che si tratta di un modello a catena, dunque potenzialmente più rumoroso. Non dovrete fare altro che verificare periodicamente che la catena sia ben tesa, lubrificarla un po’ e fare altrettanto magari anche con il feltro del freno, perché il continuo attrito con il volano tenderà non solo a consumarlo, ma a produrre all’inizio un certo stridore tipico delle parti ancora nuove.

 

Caratteristiche Principali

La Diadora Racer 22, lo dicevamo, viene pubblicizzata da Diadora come spin bike per uso professionale ed allenamenti ad elevata intensità. Se guardiamo il volano, da 22 kg, i numeri sono sicuramente a favore di questo modello, come pure il peso del telaio, piuttosto robusto e stabile.

Con la sua soglia di carico da 120 kg e i limiti d’altezza della seduta, di cui abbiamo detto, rimane il fatto che si tratti un modello adatto soprattutto a persone con caratteristiche fisiche nella media, che potranno tranquillamente sfruttare lo scatto fisso per i tipici allenamenti a ritmo variabile da spinning, alternando fasi in sella ad altre in piedi sui pedali, per i massimi risultati.

Più trascurabile il computer di bordo, limitato solo alla visualizzazione di tempo, velocità, distanza, calorie e battito cardiaco, tramite sensori hand pulse. La funzione SCAN permette di alternare in automatico questi dati, senza dover intervenire ogni volta manualmente, ma manca ad esempio la possibilità di usare i vari parametri per impostare degli obiettivi personali.

 

Funzioni e Programmi di Allenamento

In assenza del classico programma manuale, con target in termini di tempo, distanza o consumo calorico da darsi come obiettivo con relativo conto alla rovescia, la Diadora Racer 22 si affida piuttosto alle schede con programmi personalizzabili che potrete tranquillamente reperire nel web, a cominciare dal nostro sito, o farvi consigliare in palestra.

Lo spinning segue infatti regole precise nella “costruzione” degli esercizi,  quindi vi consigliamo di stilare un buon programma d’allenamento, cucito su misura delle vostre esigenze, prima di salire a bordo della Diadora Racer 22. Appoggiatevi anche ai sensori cardio integrati, perché l’FC è un indicatore molto importante nell’attività fisica, ma tenete presente che solo un cardiofrequenzimetro dedicato (da polso o con fascia) vi darà i massimi risultati in termini di affidabilità.

Le Nostre Opinioni

Con le sue caratteristiche tecniche da “bici da strada” (pignone fisso, trasmissione a catena), la Diadora Racer 22 è un buon compromesso tra qualità e prezzo, anche in virtù del volano “professionale”.

Il computer di bordo è più un bonus che un vero e proprio strumento essenziale, visto che le sue funzioni sono limitate, ed anche dal punto di vista della qualità dei materiali e delle rifiniture forse Diadora avrebbe potuto fare qualcosa in più.

D’altronde siamo davanti ad un modello che costa solo una frazione di quelli autenticamente professionali, e competitivo nel prezzo anche se confrontato con spin bike ad uso domestico di altri importanti marchi di riferimento per il fitness. Quindi se avete limiti di budget ma volete comunque una spin bike per allenarvi in casa ad un buon livello, la Diadora Racer 22 potrebbe essere un’ottima soluzione.

Scheda Tecnica Diadora Fitness Racer 22


  • Tipologia: Spin Bike
  • Marca: Diadora Fitness
  • Modello: Racer 22
  • Resistenza: Meccanica
  • Volano: 22 kg
  • Peso Max Utente: 120 kg
  • Trasmissione: Catena,
  • Regolazione Sforzo: Micrometrica
  • Regolazione Sella: Orizzontale, Verticale,
  • Regolazione Manubrio: Orizzontale, Verticale,
  • Peso Prodotto: 48 kg
  • Funzioni: Tempo, Distanza, Velocita, Calorie, Frequenza cardiaca, Scan,

  • Tabella Diadora Fitness Racer 22

    CaratteristicaSpecifiche
    ResistenzaMeccanica
    Peso Volano22 Kg
    FunzioniTempo, Distanza, Velocita, Calorie, Frequenza cardiaca, Scan
    Peso Supportato120 Kg
    Peso Prodotto48 Kg


Diadora Racer 22 – Recensione ultima modifica: da Staff CycletteTop

Ti potrebbero Interessare anche:

Staff CycletteTop
Esperti e appassionati del settore fitness, abbiamo deciso di pubblicare recensioni dettagliate su tutti i modelli di Cyclette con classifiche sempre aggiornate, Opinioni degli Utenti, Valutazioni, Test, Migliori Prezzi Online e Guide informative che aiutano gli utenti a scegliere la Cyclette più giusta per le proprie esigenze.

Lascia un Commento

Diventa il primo a commentare

Notificami
avatar
wpDiscuz